l’osservatorio sul rating creditizio


L’Osservatorio sul rating creditizio

Nonostante i miglioramenti nel rapporto banca/impresa e gli approcci collaborativi sempre più diffusi, gli istituti di credito, non possono rivestire - specie nei confronti delle PMI - il ruolo di consulenti sulle strategie di miglioramento del rating anche perché rivestono il ruolo di controparti commerciali, seppur qualificate, che perseguono l’obiettivo di massimizzare i profitti della peculiare attività di erogazione del credito che esercitano.

Partendo da tali considerazioni e dalla esigenza più volte espressa dalle imprese di tutte le dimensioni e di tutti i settori produttivi di dotarsi di un sistema evoluto di autovalutazione del proprio rating, le principali associazioni di categoria con capofila Confapi Bari hanno promosso il progetto “Osservatorio sul rating delle imprese della provincia di Bari” affidandone la realizzazione alla Promem Sud Est Spa. 

Il progetto, realizzato con il contributo della Camera di Commercio di Bari, ha come obiettivo primario quello di approfondire la conoscenza delle imprese della Provincia di Bari attraverso l’esame del loro rating e delle variabili sulle quali è fondato il giudizio espresso dal sistema bancario. 

L’obiettivo secondario è quello di mettere a disposizione delle imprese del territorio, uno strumento di autovalutazione del rating che usi gli stessi principi e metodologie adottate dal sistema finanziario italiano nel rispetto degli accordi di Basilea. 

Non appare superfluo osservare che tale strumento, pur impostato con le stesse logiche con i quali sono stati progettati tutti i sistemi IRB validati da Banca d’Italia, potrebbe fornire giudizi di rating più o meno differenti da quelli che ciascun istituto determina con i propri protocolli. 

Ogni procedura, infatti, pur concepita secondo i principi di Basilea, comporta la definizione di parametri di misurazione di indici, valori ed eventi che ciascuno effettua autonomamente sulla base di scelte strategiche fondate sull’approccio al rischio e sulle esperienze acquisite.   

Per questa ragione, può accadere che, per una stessa posizione aziendale, banche diverse esprimano sullo stesso periodo oggetto di osservazione giudizi più o meno divergenti che possono condurre a decisioni diverse sulla disponibilità a concedere sostegno finanziario ad una determinata iniziativa imprenditoriale.  

Il Primo rapporto dell’Osservatorio sul rating creditizio delle imprese
della provincia di Bari

Il Primo rapporto dell’Osservatorio su rating creditizio delle imprese della provincia di Bari

L’Osservatorio su rating delle imprese è stato promosso dalle principali associazioni di categoria del territorio e sostenuto dalla Camera di Commercio di Bari e gestito dalla Promem Sud Est Spa.

Nato con l’obiettivo di rendere accessibile alle imprese di ogni dimensione uno strumento che consentisse il calcolo del proprio merito creditizio, ha previsto una prima fase di individuazione del miglior sistema accessibile e relativo test di prodotto.

Sono stati pertanto raccolti e analizzati i bilanci degli esercizi 2013 e 2014 di un campione di aziende del territorio barese di dimensioni micro-piccole (72% del campione), medie (25%) e grandi (3%) appartenenti ai comparti del manifatturiero (38% del campione) dei servizi (34%), dell’edilizia (14%) e del commercio (14%), delle quali è stato misurato il profilo di rischio e determinato il relativo rating creditizio. 

I risultati del test sono stati raccolti e pubblicati da Promem spa nella pubblicazione: dell’Osservatorio sul rating creditizio delle imprese della provincia di Bari. PRIMO RAPPORTO.

È possibile scaricare una copia digitale dell’indagine cliccando qui o inviando un’email a info@promem.it. È anche possibile ritirare una copia stampata presso la nostra sede in Bari alla via Emanuele Mola 19, previo appuntamento allo 080/5530391.

Scarica il Primo rapporto sul rating creditizio delle imprese della provincia di Bari

Per realizzare l'indagine sono stati analizzati i bilanci degli esercizi 2013 e 2014 delle imprese del campione unitamente ai dati contenuti nella centrale dei rischi per metterli in correlazione al fine di calcolare il rating creditizio.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.