bilanci.jpg
Con l’entrata in vigore del D.lgs 139/2015, i bilanci di esercizio 2016 saranno interessati da profonde modifiche.
Le novità riguardano i principi generali di redazione del bilancio, la rilevazione iniziale di alcune poste, i metodi di valutazione e informazioni da descrivere nella nota integrativa e nella relazione sulla gestione.
Sono inoltre modificati i prospetti dello stato patrimoniale e del conto economico (del bilancio di esercizio e del bilancio consolidato) ed è obbligatorio il rendiconto finanziario come schema primario del bilancio.
Gli impatti che tali modifiche avranno sui bilanci sono riconducibili a due fattispecie:
- Gli impatti di apertura, generati dall’effetto transizione determinato dalla differenza tra il valore di attività e passività iscritte a fine esercizio 2015 ed il valore che esse avranno con l’applicazione dei nuovi principi contabili;
- Gli impatti prospettici che si determineranno a partire dal 2016 sui conti economici, sugli aggregati economico/finanziari e sugli indicatori di perfomance conseguenti all’introduzione dei nuovi modelli valutativi e alle modifiche nei criteri di misurazione delle poste di bilancio.
Le imprese dovranno pertanto prestare particolare cautela nella elaborazione dei bilanci di esercizio 2016, valutando con grande attenzione le scelte da assumere, anche per evitare di abbassare il rating creditizio con conseguenze facilmente immaginabili sul costo del funding e sulla possibilità di mantenere o ampliare le linee di credito.
Al via un ciclo di incontri sul tema. Iscriviti alla nostra newsletter per conoscere date, luoghi e argomenti
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.